L’autunno del futuro di Paolo Gila, Ed. Albatros.

L

Nel 2039 a Milano “brulicavano insieme la disperazione e la speranza, come due sorelle siamesi”. Sotto “una spessa nuvolaglia, cotonosa e mucida, che riverberava un bagliore morbido e diffuuso”, c’era fermento nelle menti di chi voleva ribellarsi alla corruzione politica che aveva creato paura e insicurezza, non a produrre una seria crisi d’identità nei cittadini. Dopo una tremenda guerra civile, l’ordine e il progresso furono imposti con la forza ed Egidio, valente psicologo, sognava invece una società in cui tutti i popoli potevano “vivere in eguale rispetto, considerazione e dignità”. L’omologazione delle personalità e delle menti aveva ridotto l’esistenza alla mera sopravvivenza fisica e alla lotta per il territorio, unico tangibile segno di potere. Egidio e Mara volevano molto di più per il figlio Franco: giovane speranza in una Nazione caduta nell’opacità ideologica. Al momento, scappare dalla propria città sembrava essere l’unica via d’uscita per continuare a vivere degnamente.

Paolo Gila è nato a Milano il 10 ottobre del 1960. È laureato in Lettere e Filosofia ed è giornalista professionista. Ha già pubblicato: L’economia che dà i numeri (Edizioni Big, Milano 2009); Inventarsi un’impresa (Il Sole 24 Ore Libri, 2010) e Avviare un’attività (Edizioni Giunti, 2010).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...