URGENTE!!!

http://editoriainvisibile.netsons.org/?page_id=47
URGENTE: per tutti coloro che lavorono nell’editoria, è importante compilare il questionario di Editoria invisibile.
È un’indagine per valutare seriamente le nostre condizioni di lavoro!

Simonetta

Annunci

I correttori di bozze: la loro situazione.

Attualmente sono pochi, anzi pochissimi, i correttori di bozze free lance che riescono a mantenersi dignitosamentesolo con questo mestiere: ecco perché quasi sempre si tratta di un secondo lavoro, svolto nel tempo libero solo per arrotondare le entrate. Anche per tale motivo spesso il lavoro è sciatto e impreciso, come sanno ─ benché stentino ad ammetterlo ─ editori e addetti ai lavori.

Marilì Cammarata. Il correttore di bozze, Milano, Editrice Bibliografica, 2001, pag. 22.

FINE.

Fine è una parola che non ha bisogno di tanti sinonimi. Fine e basta. Poi ce ne sono altre di parole che, nero su bianco, spiegano pochissimo di quella “fine” ma che trafiggono come una lancia.

Fine.

A nulla serve la buona volontà che ha sbandato una sola volta. Fine.

Il mondo è questo.

Ma il sinonimo lo trovo io. Vado e andrò avanti anche in un giorno cupo tra il sole e freddo tra il caldo. Tutti possiamo sbagliare perché è umano. Non è umano non capire l’altrui persona che ha fatto e, soprattuto, avrebbe fatto molto di più se compresa in frangenti di fragilità. La fragilità è innata o dovuta a contingenze che di certo non si cercano ma che ti arrivano a secchiate nella vita di tutti i giorni. Evidentemente c’è chi non sbaglia mai.