Senza luce.

untitled

Quel bellissimo viso. Quel sorriso aperto e grande… poi il nome, il cognome. Qualcosa mi diceva che non era tanto distante da me. Infatti, ecco il vento freddo che sfiora e lascia gelidi. Non è possibile che se ne sia andata a trovare la notte con tutta la sua lumonosità.

Non ti ho mai conosciuta. Ma cavolo, il tuo babbo sì! E, com’è stato possibile che non ti sei accorta della tua bellezza e dell’amore che ti dava tutti i giorni? Chi ha sbagliato? Perché? Il buio ti oscurirà ma non ti sei affacciata qui per caso. Mi hai lasciato debole e confusa.

Non riesco a capire un qualsiasi motivo valido per scegliere una strada cupa e senza ritorno invece che la vita. Non lo capirò mai, anche se potrebbe attirarmi!

Che possa la tristezza svanire per sempre o che colpisca un muro per infrangersi contro!

La nostra società dovrebbe accoggersi del malessere di una persona. Invece no: nessuno osserva. Così dalla luce al buio è un attimo. O una vita. Lei ne ha vissuta una troppo breve. Dovremmo tutto indignarci, urlare tutti i giorni per rivendicare la forza e la voglia dell’unico regalo irripetibile. Ma niente. Tutto ritorna come prima. Il quotidiano che farfuglia in un brusio insignifante e speso per un’apparente felicità. Tutti a recitare ruoli senza sceneggiature e spessore. Siamo in corsa e corriamo senza scegliere la strada e il panorama. Così qualcuno scende da questo carro di carnevale e sceglie il silenzio.

Un silenzio assordante che ti guarda con un grande sorriso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...