L’amara indifferenza.

La scorsa settimana sono stata testimone di una scena che mi ha scioccata. Attenzione, niente di cruento ma di una tristezza infinita.

Dovevo lasciare una cosa nel salone di mio marito, dove collaboro anche io, e il posto macchina del negozio era occupato da una macchina parcheggiata storta e in moto. Alla guida c’era un uomo abbandonato sul sedile, a occhi chiusi e bocca aperta.

Mentre mi stavo avvicinando, esce un signore sui sessant’anni dalla banca lì vicino. Guardiamo insieme il viso del signore in macchina e, sempre insieme, commentiamo che forse il signore non stava affatto bene.

Con lo sguardo insisto verso la scena mentre l’altro signore, dopo uno sguardo rapido e schivo, fa cenno con la testa ad annuire che l’autista della vettura, che intralcia il mio parcheggio, ha davvero qualche problema.

Allora io dico che mica potevamo lasciarlo così. Ma l’altro sfodera la chiave, apre lo sportello, mette in moto e se ne va…

Ormai io avevo assunto un colore biancastro in volto e ho raccolto un minimo di coraggio per bussare sul finestrino accanto all’uomo in macchina. Così, se non mi avesse dato nessun segnale di vita, avrei chiamato il 118.

Al primo pugno sul vetro lui scrolla la testa e si sveglia. In realtà dormiva e mi ha detto che stava aspettando la moglie che era in banca. Ho chiesto scusa e mi sono risollevata con un bel sospiro e ho continuato a fare le mie cose.

Ma se davvero avesse avuto bisogno? Se stava male seriamente? Sarebbe morto perché nessuno avrebbe composto un semplice numero composto da tre cifre per chiamare aiuto. Siamo ridotti molto male e l’indifferenza ci ucciderà davvero.

Simonetta

Annunci

One thought on “L’amara indifferenza.

  1. Posso aggiungere un commento un po acido? Considerato che il signore dentro la macchina non stava male, il primo ad essere indifferente verso il prossimo era lui. Non si sosta con il motore a acceso…
    Inquina, disturba ed è incivile. Ecco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...