Forum TV n° 79

Venerdì, 2 gennaio 2015

Un “diavolo” “criminale”.

Tanti Auguri Egr. Prof. Grasso,
in questi giorni di festa, capita di guardare la TV senza dormirci davanti… e qualche sera fa ho visto su Real time “Un diavolo in famiglia”, prodotto negli USA. Immediatamente mi è venuto da fare un confronto con “Amore criminale”, di italica produzione. Sinceramente devo dire che il nostro mi ha sempre lasciata nel terrore, sperando di non inciampare in una pozza di sangue. Mentre quello americano mi ha sconvolta per l’asetticità delle non-emozioni. Da una parte l’ansia e tachicardia e dall’altra una normalità divenuta usanza e costume.
Si parla di drammi familiari in cui c’è sempre chi muore e non tornerà più lasciando una scia di lutti e dolore. Io mi chiedo: possibile che non ci sia un modo per trattare questo tema per cercarne una soluzione sociale e non per approfittarne di farne un teatro/farsa?
Mi creda Prof. che le persone che vivono tali drammi nella realtà piangono lacrime vere.
Sconvolta cordialità
Simonetta

Annunci

One thought on “Forum TV n° 79

  1. Non ce la faccio a vedere certi programmi. A dire il vero non ce la faccio più a guardare la televisione. Non mi piacciono i pettegolezzi, non mi piace vedere il buonismo facile, non mi piacciono gli esperti che sanno tutto di tutto, le risate, il buttare tutto in burla, i giochetti sciocchi. Ma sono vecchietta… e i vecchietti sono brontoloni, si sa.

    E soprattutto non mi piacciono i gialli. Da ragazzina ero appassionata di libri gialli e li leggevo avidamente.
    Una sera, la classica sera buia e tempestosa, ne stavo leggendo uno quando ad un certo punto si raccontava che durante una cena in un castello, tipo quello di Dracula per intenderci, manca improvvisamente la luce. Al ritorno della luce in un piatto da portata c’era una mano mozzata.
    Manco a farlo apposta in quel preciso momento era mancata la luce anche a casa mia. E nel leggere della mano mozzata mi sono spaventata tanto da mettermi ad urlare. Si sa la paura è fatta di niente.
    Da allora, comunque, ho sempre evitato accuratamente di leggere libri o racconti gialli o vedere film o programmi che raccontano queste cose.

    Buon pomeriggio Simonetta e tanti abbracci
    Pinuccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...