Passio.

?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ?????????? ??????????

Questo è il gruppo dei coristi, ballerina e attori che ha messo in scena, in un’abbazia vicino Perugia, un meraviglioso spettacolo tra danza, teatro e musica.

MERAVIGLIOSI!!!

Annunci

Dall’infinito, il finito?

untitled

Michelangelo, modernità nel passato, contemporaneità anticipata. Le tensioni emotive che ci racconta nella pietra mi accompagnano da sempre. Quando da bambina mi sono ritrovata minuscola di fronte a I prigioni, ho tremato di vita: da allora ho sempre saputo che l’esistenza è questo infinito movimento tra ciò che non siamo e ciò che siamo. Eterna sofferenza per cercare la nostra anima in un groviglio di pensieri. Il blocco di pietra, feto grezzo di natura, raccoglie le dinamiche di crescita e di scoperta caratteristiche dell’uomo. Michelangelo ce lo narra tra Quattrocento e Cinquecento, e lo scrive nella dura materia. Adesso, penso molto a questi miei giorni progrediti nella tecnologia e per niente affrancati da quel blocco di sasso. Lui è sempre intorno alle nostre realtà. Anzi, coinvolge più parti del mondo che il mio conterraneo non ha conosciuto. Adesso tutta la terra è imprigionta nella dura materia. Quei muscoli dovranno reggere un peso più gravoso: la forza della nostra intelligenza non si lasci affogare nel fango. Terra anch’esso, ma debole e tritata nelle maglie delle ipocrisie della irrazionale fuga dalle reali potenzialità del mondo. Consapevolezza e concretezza, pensiero e razionalità  le vorrei protagoniste di uno sviluppo che ha brutalizzato la bellezza pura dell’uomo. Ritornando alla pietra, raccoglieremo energia per il futuro.