Gool-pe di Mario Ciofi.

??????????

“La lotta per il potere è sempre attuale. La volontà di sopraffare i più deboli unisce il regno animale a quello umano. Tutti ne facciamo le spese: nel declino ci sprofondiamo tutti. Qui, nel pianeta a forma di pallone di cuoio, loschi figuri rincorrono ansimanti una fama e una notorietà talmente insignificante da risultare grottesca. Mario Ciofi, è un fumettista narrante: ci disegna i personaggi con i colori brillanti delle loro sgargianti anime. Ma dentro non hanno niente. Cavalcano l’onda del momentaneo potere fatto di schiuma bianca. Il libro si legge con il sorriso. Poi, si pensa e dovremmo rileggerlo tra le righe”.

Questa è la quarta di copertina che ho “confezionato” per Gool-pe, libro di Mario Ciofi, presentato sabato 20 luglio 2013 a Colle Pino, splendido paesino vicino a Spello, in provincia di Perugia. Io ne ho curato l’editing e la correzione, le illustrazioni sono opera di Mister Bad, alias Marco Bargagna.

??????????

Qui sopra, i due artisti, Marco in verde brillante e Mario di bianco vestito e gioioso sorriso, che mostrano fieri l’opera fresca fresca di Marco in omaggio al locale che ha ospitato l’evento, La Locanda.

Il personaggio è anche il soggetto principale del libro, facilmente riconoscibile e per niente casuali sono tutte le sue avventure narrate e disegnate nel testo! Ma non è solo, ci sono altri personaggi in bilico tra finzione e realtà, tra goliardia e cattiveria pura. Come vortici di vento, aspirano i valori sociali e la rettitudine, per riconsegnarci viltà e sfrontatezza senza alcun disagio. Anzi ne vanno fieri presentandosi al mondo nella piena consapevolezza della loro meschinità e pochezza da spartirsi in seno alle loro miserie.

Questo testo ha avuto la luce nel 2009 e Mario lo aveva già pubblicato. Tuttavia quelle frasi e dialoghi avevano l’urgenza di essere indossati da individui in penna e ossa, proprio come i fumetti di Marco… L’incontro ha visto il sorgere di tavole illustrate che hanno disegnato i personaggi usciti dalla fantasia di Mario.

Simonetta Cinaglia

Annunci

La ricerca della verità di Roberto Carotti, Ed. Albatros.

Quando si entra in libreria, la prima cosa che inevitabilmente ci attrae è la copertina di un libro. Colori, foto, dipinti famosi, architetture,geometrie essenziali rimandano sia al contenuto che a una casa editrice in particolare. Subito dopo, prendiamo in mano il volume e cominciamo a toccarlo, a sfogliarlo e a leggere la quarta di copertina. Quelle poche frasi vengono solitamente scritte da noi editor che, dopo aver corretto il manoscritto, scriviamo la trama in un riassunto che ha le sue ben precise regole editoriali. Occorre sintesi e complettezza, dire e non dire, fino a creare un “mini” testo chiaro e, soprattutto, sincero di ciò che contiene il libro. Da oggi voglio riportare alcune delle quarte che ho scritto per gli autori emergenti editi dalla casa editrice Gruppo Albatros-Il Filo, come testimonianza del lavoro artigianale che sta dietro alla pubblicazione di  un manoscritto e come esempio di scrittura breve e completa.  
 cop

La ricerca della verità è un romanzo storico denso di misteri, con una trama simile a un puzzle. Risolto il gioco, ecco la soluzione del giallo. Le tessere, però, sono sparse nel tempo e nello spazio, ben nascoste tra le pieghe di eventi secolari. Il lettore sarà immerso nella narrazione delle gesta dei Cavalieri di Malta fino ai giorni nostri; percorrerà un viaggio nel Mediterraneo sotto il sole di Cipro, di Malta e di Rodi. Navigherà le onde spumeggianti di guerre e segreti, celati dietro enigmi impenetrabili. Ammirerà le bellezze architettoniche e le meraviglie dei paesaggi. Respirerà la polvere degli scavi archeologici e si entusiasmerà per il coraggio dei protagonisti. Non si stupirà dell’indomabile sete di potere, costante amara dell’umanità. L’avidità di alcuni sarà il sacrificio e le fatiche di altri il cui scopo è, invece, proteggere la fede, l’arte e la storia. Tra molti colpi di scena, la vicenda sarà tortuosa, enigmatica e avventurosa. Nel gioco ci sono molti partecipanti, ognuno con personalità, abilità e nalità proprie. Ma c’è una sola soluzione e vincerà chi userà il cuore, l’anima e l’intelligenza.

Roberto Carotti è nato a Cremona il 4 luglio del 1968. Appassionato di Storia Medievale e di romanzi storici, La ricerca della verità è il suo primo libro.

La memoria dei sentimenti di Peppula Salvo, Ed. Albatros.

La memoria dei sentimenti

Che cosa fa la guerra? Uccide, dilania, affama, terrorizza, e poi? Poi rimane impietosa e palpitante nella mente, nell’anima di chi l’ha vissuta e che ha la fortuna dolorante e faticosa di raccontarla, di tramandarla. Qui sono narrate le sorti di un tenente medico italiano reduce da una guerra, che doveva essere lampo, tra l’Italia e la Grecia (1940-1941) ma che in realtà si prolungò, straziante nei campi di sterminio, sino al termine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1945. La trama è come fosse dipinta tra i suggestivi paesaggi di una Ellade ricca di storia, paesaggi, persone e le lancinanti grida di povere anime strappate agli affetti più cari, senza il loro consenso. Stritolato anch’esso nella morsa delle ingiustizie umane. La natura umana, anche in queste assurdità, è capace di stupire, inventandosi una miriade di scorciatoie per non rinchiudere l’amore e la forza di sopravvivere. L’autrice usa la penna come un abile pennello con il quale disegna le mille difficoltà patite dai protagonisti e allo steso tempo rappresenta un mondo pieno di sapori e colori; duro da vivere, doveroso da ricordare.

Peppula Salvo è nata nel 1947 a Comiso (RG), dove abita. È laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Catania, attualmente insegna Materie Letterarie presso un istituto di istruzione superiore. Ha pubblicato nel 1988 la raccolta di storie paesane Rici… e nel 1996 la silloge di poesie Il piacere del silenzio.

Un fiore per l’anima di Silvia Cafissi, Ed. Albatros.

9788856731811

“Le persone mi vedono… triste… ma sono una persona normale con le mie potenti emozioni, infiniti interrogativi… sul perché c’è da patire, la mia insaziabile sete di verità”. Così si descrive l’autrice di questo libro. Poco ci sarebbe da aggiungere, se non la voglia di conoscerla meglio. Lei, infatti, ci apre le porte del suo animo; ci fa accomodare; ci narra il suo inquieto tempo di vivere. La sua voce è chiara e forte. Trema soltanto dinanzi ai mille interrogativi per ritornare, immediatamente, brillante davanti a una certezza appena sfiorata dai suoi respiri. È una coraggiosa testimonianza di una donna che vive la contemporaneità con i suoi pensieri, con le sue inquietudini, con i suoi sogni. Tanti si riconosceranno davanti a questa figura esile ma al tempo stesso consapevole delle immense risorse racchiuse nel suo spirito. Ma quanti saprebbero sfidare la scena del mondo a testa alta come Silvia?

Silvia Cafissi è nata a Prato e risiede a Montemurlo (PO). È appassionata di saggistica e di poesia. Un ore per l’anima è la sua prima pubblicazione.

Spazio silenzioso di Rosanna Accordino, Ed. Albatros.

FRB

Attenti a osservare in silenzio un quadro. Esso è arte, è gesto di un pittore mosso da anima e intelletto, è colori avvolgenti. È uno spazio che silenzioso e incostante aspetta chiunque vi si affacci. E allora via: tra i dubbi di una vita intera, tra i dolori di aspre verità, tra intrappolati affetti, tra il sangue che nasconde gelosia, tra le foglie di un albero. La vita che si può celare dietro e attraverso un’immagine all’improvviso ci si apre in tutta la sua inquietudine: la storia si narra con gli occhi e con le gambe di qualcun altro, Lorenzo, che è chiamato a riferirla a Lucrezia. Anima vagabonda che ritorna sempre lì davanti, lì nel luogo che accoglie la rappresentazione della sua origine ed esistenza. Fino all’epilogo colmo di amori ritrovati e perduti. Epilogo, tuttavia, aperto. L’autrice racconta una vicenda che attraversa lo spazio e il tempo senza un ordine cronologico rigido: perché vivere è stare in equilibrio tra le sensazioni che percorriamo. L’amore, in tutte le sue declinazioni, è la costante. Tavolozza di colori cui attingere i chiari e lo scuro della nostra anima.
Rosanna Accordino è nata a Patti, in provincia di Messina, il 30 luglio 1987. Ha conseguito il diploma di liceo scientifico e il diploma accademico di primo livello in Arti visive e discipline dello spettacolo, con indirizzo Decorazione presso la Libera Accademia di Belle Arti di Roma La sua prima grande passione è l’astronomia, cui fanno seguito: la letteratura, la filosofia e l’arte. Spazio silenzioso è la sua prima pubblicazione.

La fuga di Maria Pia Iacobacci, Ed. Albatros.

140_0_2052455_362036

La fuga è uno struggente romanzo d’amore. L’autrice narra le vicende della protagonista Francesca e del suo incontro con Stone come se stesse scattando ed esponendo una serie di fotografie. Il lettore è attratto dalle meraviglie dei paesaggi e dai mutevoli sapori della natura, così come è sedotto dalle in nite ma precise personalità e anime dei personaggi che affollano la galleria d’immagini. Non è specificato il tempo in cui si svolge la trama. Forse volutamente, perché l’amore è l’amore; come l’odio e la cattiveria, che straziano impietosi il cuore, lo sono da sempre. Da quando l’uomo è l’uomo. E Francesca scappa, corre, inciampa ma le sarà difficile sfuggire alla violenza del marito Cesare: scarna e patetica figura di maschio dolente che sfoga facilmente le sue insipide ire su un essere tanto delicato. Fortunatamente, si sa, alla ne si scelgono le foto più belle e queste avranno gli onori della cronaca. Anche se non dobbiamo strappare quelle più brutte: lì nel fondo di un cassetto impolverato rimarranno a dolorosa memoria.

Maria Pia Iacobacci è nata il 20 luglio del 1966 a Benevento, dove vive. Lavora presso l’Università degli Studi del Sannio. Ha iniziato a scrivere a quattordici anni e da allora non ha più smesso. La fuga è il suo primo libro pubblicato.

La roulette russa di Luana Rabottini, Ed. Albatros.

product-3206092

Luna è un fiore delicatissimo che sta per sbocciare in un raffinato vaso. In lei tutto assume sembianze di reale bontà, di umana comprensione. Gli anni sono quelli dell’adolescenza, quando gli occhi hanno un velo di ottimismo innato. I primi confronti alla pari con la famiglia; i primi impegni scolastici; le prime e importanti amicizie; i primi tormentati amori. Piero è il suo primo amore assoluto. Il piccolo ore assapora l’aria che lo circonda, il suo cuore è colmo e nutrito d’amore innocente e profondo. Tutto sembra accompagnare lo sviluppo intenso di questa dolcissima storia d’amore. In fondo è questo il terreno da cui nasceranno nuove vite e nuove storie, in un continuo rinnovo universale. Ma niente è semplice e bisogna confrontarsi con la quotidianità che a volte manifesta una cattiveria incomprensibile. Le regole di una comunità sono le radici che intersecano il terreno dove sta crescendo il fiore. Dobbiamo saperci nutrire di quel terreno che a volte è molto insidioso e assume le sembianze di personaggi senza nome, ma molto opprimenti. Deve farci riflettere l’epilogo di questa dolce storia di ragazzi di provincia. Crescere è duro, vivere in bilico è pericoloso fino a tutto il futuro.

Luana Rabottini è nata il 12 agosto del 1974 a Ortona a Mvare (CH). Attualmente vive a Torrevecchia Teatina (CH). È maestra di scuola primaria. La roulette russa è il suo primo libro.